Casa dolce casa. Rendiamo bella e accogliente casa nostra…risparmiando!

debito sano o malato?

Fiducia!

È la fiducia che ultimamente scarseggia tra le istituzioni bancarie e i cittadini. Diciamolo, la cosa è reciproca.

Fino a pochi anni avere accesso ai mutui per la casa era molto più semplice, ma proprio i mutui sono stati la scintilla scatenante dell’attuale crisi economica.

Dopo la crisi dei mutui americani le banche hanno cambiato un po’ tendenza.

Ti ricordi fino al 2008 le pubblicità in TV? Vi ricordate quante pubblicità di mutui?

Io mi ricordo ancora una pubblicità dove arrivava una giovane coppia in banca con una porta in mano e diceva: <<Ecco il nostro 1%>>.

Quante di queste pubblicità si vedono oggi? Pochissime.

Le banche non prestano più soldi ai cittadini se non con solide garanzie. Mi ricordo che, appena esplosa la crisi, le banche non si fidavano neppure a prestarsi il denaro tra di loro.

Come ha i conti quella banca là? È a rischio fallimento? Girava voce che qualche banca avrebbe potuto saltare.

Ora questa situazione si è normalizzata e le banche non si fidano più soltanto dei cittadini.

A torto? A ragione? Chissà. Se guardi un po’ di aste immobiliari vedrai che una grossa fetta degli esecutati ha perso la casa perchè non pagava il mutuo.

A proposito, avevo mai detto che si possono fare degli affari interessanti alle aste immobiliari? È un mondo dove è facile prendere fregature, però con un po’ di esperienza si possono trovare case a ottimi prezzi. Ad esempio, la casa dove vivo l’ho acquistata all’asta.

Le banche prestano soldi con molte più reticenze, sono praticamente spariti i mutui superiori al 100%. prima della crisi si potevano trovare mutui anche al 130% del valore dell’immobile. Così da poter acquistare la casa e arredarla completamente.

Adesso se una persona non ha un po’ di soldi da parte è molto difficile accedere a un mutuo. Mediamente le banche tendono a concedere l’80% del valore dell’immobile. In alcuni casi il 90%.

È un bene? È un male?

Dipende! Sicuramente più è alta la percentuale anticipata dalla banca e più si è indebitati.

Che brutta parola. Indebitati! Come suona dirlo? Ripetilo ad alta voce: Io sono indebitato/a!

Che effetto fa? Tutti noi che abbiamo un mutuo siamo indebitati e finchè il debito non è onorato la casa non è veramente nostra. In relatà è della banca. Prova a non pagare un po’ di rate, a chi va la casa? Alla banca! Quindi la casa è della banca.

Non fa un bell’effetto dire: “ora vado, torno nella casa della banca”. Meglio dire: “ora vado, torno a casa mia”. Peccato che non sia questa la realtà.

Certo, la banca è un affittuario di larghissime vedute: puoi fare quello che vuoi della casa e non ti dirà mai niente. Io ho tre cani. Non credo che un’altra persona avrebbe accettato di affittarmi la casa sapendo questo.

Avere un debito non è un bene o un male in sè. Dipende moltissimo dal tipo di debito. È importante distinguere tra debiti sani e debiti “malati”.

Un debito sano serve a generare ricchezza o flusso di cassa. Il debito sano è un investimento per il futuro. Lo si fa per avere più ricchezza quando lo si estingue rispetto a quando lo si è contratto.

Un debito malato serve solo a soddisfare bisogni e capricci e non genera ricchezza, ma porta impoverimento.

Un debito sano è: un’impresa da avviare o fare crescere, partecipazioni in affari con un ritorno economico, ciò che aumenta valore alla mia casa in ottica di rivendita, la casa se nel giro di qualche anno la rivendo a una cifra maggiore o uguale di quanto l’ho comprata.

Un debito malato è le vacanze, l’automobile, finanziamenti nei negozi per beni di prima necessità o elettrodomestici, debiti di gioco o simili, la casa dove voglio vivere una vita.

La casa dove voglio trascorrere una vita è un debito malato? Ma se mi hanno sempre detto che la casa è un investimento.

No. La casa è un “capriccio”.

Un capriccio importante che permette di esprimerti e di appagare un bisogno di sicurezza (ricorda però che è della banca finchè non hai pagato tutto), ma comunque un capriccio. Finchè i soldi che ci hai speso non sono di nuovo nelle tue tasche è un capriccio.

Approfondiremo più avanti anche questo argomento.

Vivo la mia casa

Annunci

Commenti su: "debito sano o malato?" (6)

  1. Stralicando ha detto:

    Bellissimo post, sono perfettamente d’accordo con te.
    Il mutuo per acquistare la casa in cui vivi non è un buon investimento, è una perdita e basta. Non genera nessun flusso ci cassa.
    Speriamo che qualcuno possa illuminarsi in tal caso!!!
    Barbara Delocchio

    • come dice roberto credo anche io che la verità stia nel mezzo. certo, a voler portare tutto all’estremo un debito per acquistare la casa è praticamente sempre un errore. in realtà credo che ci siano situazioni in cui un mutuo può avere senso. io ad esempio ho un mutuo.
      in un post spiegherò i motivi della mia scelta.
      infine inutile negare che la componente emozionale conta.
      credo che alla fine l’importante è fare le cose con cognizione di causa e avere MOLTO BENE chiaro perchè le si fa.
      ovviamente io le scelte le ho fatte prima di conoscere meglio max. 🙂
      ciò che è fatto ormai è fatto! 🙂 non sono pentito

  2. Purtroppo, Marco, la casa dove vuoi vivere la vita non sarà mai tua anche quando avrai finito di pagare il debito del mutuo con la banca.

    Prova a non pagare le tasse o i tributi per un paio di volte e poi, vieni a dirmi di chi è la tua casa.

    Anche avviare un’impresa non puoi considerarlo un debito sano o malato.
    Non puoi saperlo a prescindere.
    Il debito buono, è tutto quello che produce un flusso di cassa positivo.
    E’ malato quando non produce flusso di cassa positivo.

    Complimenti per il blog.
    Insisti e resisti.
    Max

    • sono d’accordo max. nel post mi riferisco alle intenzioni, al modo in cui ti approci al debito.
      ovviamente non posso sapere se un’impresa andrà bene. a dirla tutta non lo si può sapere a proposito di niente. nemmeno di una casa stralciata puoi avere la certezza matematica che ti renda soldi. di una cosa puoi essere certo: se ti indebiti per l’auto o le vacanze, o per sopravvivere, sicuramente il tuo debito toglierà ricchezza. quindi posso avere la ragionevole certezza dei debiti malati ed evitarli.
      🙂

  3. la verità come al solito sta nel mezzo.

    purtroppo tutti coloro che si sono fatti portare via la casa ( a parte qualcuno..) non hanno fatto bene i conti.

    ti presenti in banca a 35 anni..hai vissuto fino all’altro giorno con mamma e papà, non hai risparmiato un’euro ne tantomeno hai intenzione di risparmiare ( in fondo si vive una volta sola), neppure sai quanto costa un kg. di pane e decidi di indebitarti per 30/40 anni.

    tanto mi danno anche i soldi del notaio…

    l’errore non e’ delle banche, le banche fanno il loro sporco lavoro e qualcuna lo fa meglio e molte altre no, ma il problema e’ sempre di chi si indebita.

    non imparare a far di conto credo che sia uno dei mali del nostro tempo ..

    nessuno sa quanto e dove spende e siamo troppo abituati a godere del singolo momento e non vogliamo programmare nulla ( in fondo si vive una volta sola…e 2 ..)

    siamo giunti ad un bivio.

    il mondo non sarà piu’ quello di prima.

    coloro che acquisiranno piu’ informazioni e le metteranno in pratica saranno i prossimi padroni del mondo ( anche nel loro piccolo).

    l’informazione alla lunga paga, ma le informazioni costano sia in termini di tempo che di Voglia di apprenderle e spesso non si trova il tempo per dedicarcisi del tempo

    … in fondo si vive una volta sola…

    • concordo, l’informazione costa, costa fatica soprattutto.
      ripeto, l’importante è fare le cose con cognizione di causa. poi non si può sapere o prevedere tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: