Casa dolce casa. Rendiamo bella e accogliente casa nostra…risparmiando!

Articoli con tag ‘costi’

Fare molto con poco

Ho già insistito più volte sul fatto che è molto importante avere degli obiettivi chiari.
Prima di fare una scelta è fondamentale sapere cosa si vuole.
Il mio obiettivo non è avere una casa al top del top delle possibilità. Non rientra nel campo delle mie scelte. Anche se potessi permettermela non credo che mi interesserebbe.
Provo molta ma molta più soddisfazione a cercare di fare le cose bene con poco.
Questo significa sapere cosa si vuole e quanto si può spendere.

Io preferisco spendere poco.

Adoro ottenere buoni risultati a poco prezzo.
La prima cosa da fare se si vuole alzare il tenore di vita, o arricchirsi o arrivare a fine mese (a seconda dei punti di vista e delle scelte di vita) è tagliare i costi.
Per questo motivo difficilmente in questo blog parlerò di “lusso”.
Non ne parlerò perchè non lo conosco. Direi stupidaggini. Quello che so è che tagliando i costi e usando il denaro in modo intelligente si possono avere enormi soddisfazioni. Soddisfazioni che potrebbero tornare indietro in futuro sotto forma di denaro. La casa potrebbe essere stimata dagli esperti del settore come “dotata di finiture di pregio”.
Ho detto pregio, non lusso.
Dal mio punto di vista può avere un senso avere una casa di pregio e uno o due elementi di lusso. Praticamente inserire in un bel contesto una “chicca” che lo valorizzi ulteriormente. Magari un’opera d’arte rara come un quadro o una piccola sculutra. O un lampadario antico che stacchi dal resto e si distingua in maniera particolare.
Il limite è dato solo dalla fantasia.
E dal portafoglio!

Penso che la casa debba essere un posto dove si sta bene. Io sono felice di passare le mie serate a casa. Ci sto bene.
La casa è bello viverla. Trovo non abbia senso vivere per la casa.
Se spendi gran parte dei tuoi risparmi e delle tue entrate non vivi la casa, ma stai vivendo per la casa.
La casa diventa il tuo padrone. Ti comanda.
Entri in un meccanismo per cui, se sei un’esteta, quando hai qualcosa di bello devi adeguare tutto di conseguenza.
Trovo anche che sia giusto. A tutti sarà capitato di pensare: ho speso tanto per questa macchina, ci metto tutti gli optional. Magari anche quelli che non userò mai e non mi interessava avere. Solo per adeguare tutto al contesto.
Con gli immobili avviene la stessa cosa: si parte dalle finiture, magari si è speso un po’, ma in fondo è la propria casa, se non si spende nella casa dove bisogna spendere?
Poi però anche l’arredamento deve essere adeguato, e quindi anche gli accessori.
Ho visto gente indebitarsi per aredare casa propria all’ultimo grido (oltre al mutuo che, ricordiamocelo, è un debito). Spesso facendosi consigliare dal mobiliere di fiducia.
Anche io ho avuto a che fare con i mobilieri, molti sono persone onestissime e stupende, alcuni (una minoranza per fortuna) sono dei furbacchioni.
Per quanto onesti possano essere, vogliono giustamente essere retribuiti per il loro lavoro.
A volte è utile rivolgersi a un mobilificio, molte volte è molto più utile imparare ad arrangiarsi da soli.
Piano piano vedremo cosa si può fare.

Ciò che mi interessa è questo concetto. Si può spendere poco e avere comunque molto. L’importante è sapere diventare “affaristi”. Imparare a scovare gli affari giusti, ma soprattutto sforzarsi di cercare soluzioni. Inventarsi soluzioni invece di chiamare qualcuno a risolvere problemi e pagarlo profumatamente.
Oppure diventare competenti invece di chiamare qualcuno a dare consigli e pagarlo profumatamente.
Non bisogna essere geniali o avere talenti particolari. Basta ricercare qualcosa dentro di sè, quella vocina che ti dice: “è proprio questo quello che voglio ora cerco di ottenerlo”.
È la vostra casa e deve piacere per prima a voi. Certamente un architetto saprà trovare soluzioni incredibili alle vostre esigenze. Ma non è detto che siano le migliori per voi. E soprattutto, se delegate ad altri le vostre scelte invece di ingegnarvi, non imparate nulla.

L’importante è focalizzarsi sul Fare molto con poco.

Questa è una delle principali regole del gioco.

Vivo la mia casa.

Fai da te

Ieri ho passato un paio d’ore a mettere impregnante sugli infissi e sulle travi della casetta per gli attrezzi che ho in giardino.

Non mi diverto per niente a fare questo tipo di lavori. Non mi piace il fai da te.

Certo, alla fine quando ho finito il lavoro provo una certa soddisfazione. In genere provo

soddisfazione per i lavori fatti, ma anche per i soldi risparmiati!

Eh sì, chiamare qualcuno per fare i lavori in casa costa! Eccome se costa.

Ma siamo sicuri che conviene sempre “arrangiarsi” da soli?

La risposta esatta è Dipende.

Prima di decidere è importante farsi alcune domande:

1)Quanto è scocciante o è piacevole fare questo lavoro? Se proprio non ti piace o detesti il fai da te e alla fine del lavoro non provi la minima soddisfazione, probabilmente farai il lavoro male. Se ami in maniera totale il fai da te, probabilmente farai degli ottimi lavori la maggior parte delle volte, o almeno fino a quando non ti ostinerai a fare con le tue mani qualcosa che richiede un macchinario specifico che tu non possiedi. Oppure il fai da te potrebbe non essere più così conveniente se ti riempi di costosissimi attrezzi e macchinari che userai un paio di volte soltanto.

2)A quanto ammonta il tempo libero a disposizione? E soprattutto a quanto ammonta il guadagno per il tempo di lavoro? Se hai tanto tempo a tua disposizione probabilmente ti converrà quasi sempre fare le cose in proprio, per ovvie ragioni.

Oltrettutto più pratichi più esperienza fai e meglio ti riusciranno i lavori in seguito.

Se hai poco tempo perchè hai altri impegni professionali fai un rapido calcolo: quante ore sono neccessarie per un lavoro? Quanto guadagno di solito nello stesso tempo? Quanto mi costerebbe chiamare un professionista? Se la risposta è che quanto guadagni è inferiore al costo del professionista non c’è alcun dubbio! Fai per conto tuo. Se guadagni, a parità di tempo, quanto ti costa un professionista, fai lo stesso per conto tuo! O meglio, la prima volta chiama un professionista, aiutalo e segui il suo lavoro. Imparerai per le prossime volte, non subirai fregature e potrai personalizzare molto di più la tua casa.

Lo sai perchè non subirai fregature? Perchè anche se non saprai eseguire il lavoro da solo, potrai comunque avere le idee chiare su cosa stanno facendo a casa tua e su quanti soldi possono chiederti.

Quindi se non guadagni, a parità di tempo, almeno il 50% in più del costo di una prestazione del professionista (sommato al costo dei materiali), ti conviene fare da te o almeno seguire i lavori qualche volta per valutare meglio le prestazioni e i costi.

E soprattutto: cerca di andare sempre tu in giro a reperire i materiali! Probabilmente imparerai un sacco di cose parlando con il personale di vendita e confrontando i prodotti; il professionista lavorerà meno ore (con tuo risparmio), e potresti avere qualche piacevole sulla fattura finale. Magari scoprendo che fino ad oggi ti erano stati presentati prezzi di materiali piuttosto gonfiati!

La casa perfetta non esiste, ma mettendoci mano e dirigendo in prima persona i lavori ci si può avvicinare sempre un po’ di più!

 

vivo la mia casa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: