Casa dolce casa. Rendiamo bella e accogliente casa nostra…risparmiando!

Articoli con tag ‘Vita’

Casa per la vita?

Che domande facciamo quando compriamo casa?

Mi piace non mi piace? Posso permettermela? Abito lontano o vicino al posto di lavoro o agli affetti? Ci sono dei servizi nelle vicinanze che possono tornare utili alle mie esigenze? Il prezzo è “onesto”?

Queste sono sicuramente le domande più in voga.

Eppure pochi si soffermano sul “TEMPO”.

Già il tempo, il tempo presuppone pianificazione, la pianificazione presuppone domande! Farsi domande intelligenti è il modo migliore per darsi risposte intelligenti.

E di conseguenza fare scelte intelligenti, che porteranno ad azioni intelligenti e finalmente arriveranno risultati soddisfacenti.

E sì! Risultati economici se e quando l’immobile andrà rivenduto, o risultati economici in termini di risparmio perchè possiamo evitare lavori inutili o che non ci interessano.

Quanto tempo vivrò in questa casa? 5 anni? 10 anni? Fino alla pensione? Fino al matrimonio? Fino alla nascita dei figli? O ci vivrò tutta la vita lasciandola in eredità ai mie figli?

Tanto più precisa sarà la risposta tanto più precisi saranno gli interventi che faremo nel nostro immobile!

Preciso una cosa, quando parlo di interventi, non mi riferisco solo agli interventi strutturali, ma anche a tutto ciò che apporta un valore monetario od emotivo all’abitazione: dalla costruzione di un nuovo bagno a un quadro ben sistemato che valorizza il soggiorno.

Spesso siamo portati a scegliere solo dal punto di vista emotivo, e non pianifichiamo gli interventi in casa. Ci facciamo portare solo dal cuore, ci innamoriamo ciecamente della casa, perdiamo di vista il senso critico!

Suvvia! È casa mia! Ci sta la mia vita qui, è perfetta così!

Mi ritorna in mente la storia di un’anziana signora e del suo agente immobiliare di fiducia.

Qualche anno fa mi è capitato di parlare con un agente immobiliare che era parecchio contrariato! Aveva una cliente “difficile”. La cliente in questione era una signora anziana che voleva vendere un grande appartamento in un centro storico. La posizione, sicuramente di gran pregio, e la metratura notevole rendevano l’appartamento ancora più interessante. Peccato che l’immobile iniziava a sentire il peso degli anni e un leggero intervento di ammodernamento avrebbe sicuramente fatto lievitare il valore dell’immobile.

Appunto, AVREBBE…

l’anziana signora, parecchi anni prima aveva “decorato” il soggiorno con una carta da parati che ritraeva una spiaggia tropicale. Questa decorazione oltre ad essere in perfetto stile anni 70′ era anche piuttosto usurata. Non serve aggiungere che l’anziana signora era letteralmente innamorata delle pareti del suo soggiorno e, nonostante dovesse vendere il suo appartamento, non era minimamente intenzionata a togliere la carta da parati e dipingere i muri con un più neutro ed accettato colore bianco. Questo non è tutto! Provava un così forte valore affettivo per le sue pareti del soggiorno, che era fermamente convinta che l’immobile, grazie alla “spiaggia in salotto”, avesse caratteristiche di “lusso”. Per questo motivo pretendeva di vendere a un prezzo più alto rispetto alla media del mercato, con grande fastidio dell’agente immobiliare che si vedeva sfuggire un affare potenzialmente molto interessante.

Quello che piace a noi non è detto che piaccia agli altri!

Per questo motivo è importante decidere già prima dell’acquisto dell’immobile, quanto tempo ci vivremo dentro. Questo per razionalizzare e pianificare in modo intelligente gli interventi.

Ad esempio a casa mia ho un pavimento che non mi piace molto. A dire il vero lo trovo senza infamia e senza lode…diciamo che per me è neutro!

Penso di stare circa 5 anni nella casa dove vivo. Considerando la tipologia di persone che potrebbe acquistare casa mia, e considerando che questo tipo di persone a casa propria ha pavimenti simili al mio, ho trovato inutile mettere la pavimentazione che avevo in mente io. È un valore che non sarebbe toranto indietro.

Mi sono detto: in fondo non mi dispiace, avrei preferito altro, ma mi risparmio questo lavoro.

Valuta bene nel momento in cui compri casa!

Sarà la casa della tua vita o c’è la possibilità che tu ti trasferisca in pochi anni?

È fondamentale essere sinceri con se stessi. Anche se i traslochi sono immensamente stressanti e i lavori in casa lo sono ancora di più è importante essere obiettivi! So bene che il primo pensiero è sempre: <<basta! Dopo tutta questa fatica non mi sposto più di qua. Non voglio nemmeno pensare di dover ricominciare tutto questo tra pochi anni>>. Eppure spesso queste sono bugie che ci raccontiamo. Dentro di noi sappiamo quanto staremo. E se non lo sappiamo, sarebbe bene saperlo. Ovviamente la vita potrebbe riservarci sorprese, ma questo non deve impedire una ponderata scelta del “fattore tempo”.

Casa per la vita o casa per qualche anno? Casa per la vita o investimento?

Ricorda sempre il fattore tempo!

Vivo la mia casa!

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: